Nasce oggi la nuova rubrica “The Outsider”, l’unica rubrica, che senza alcune presunzioni saprà farvi divertire… e sorridere, parlando di qualcosa che ormai ci appartiene da anni: Lo Sport, quello vero.

Le danze sono aperte, il tanto atteso Europeo ha dato finalmente i primi risultati e, tra delusione per le mancate aspettative e successi per le sorprese inaspettate, oramai ci siamo: il dado è tratto.
Un inizio di campionato non certo spumeggiante, che ha visto sul rettangolo verde un certo difensivismo tipico della fase a gironi, in cui le squadre puntano più a preservare che a divertire. Sorprende la Russia di Leonid Sluckij, che con poche parole e molto sacrificio ha dato filo da torcere alla pomposa Inghilterra, scesa in campo come (naturale) favorita del match, ma che invece ha dovuto ridimensionare il proprio ego: una pennellata di testa da parte di Berezuckij allo scadere… ed ecco infranti i sogni di gloria nel bollente calderone della realtà.
Meglio va alla Francia, una vittoria di misura, grazie ad un gol frutto dell’estro di Payet, sconosciuto ai più… ma che ora si ritaglierà una bella fetta di maglia da titolare, dopo l’ingresso allo scadere al posto del deludente Pogba. Di Misura anche Croazia, Polonia e Svizzera, ad eccezione della Germania, la quale seppur non brillantissima in difesa, riesce a dire la sua, imponendosi con un chiaro 2-0. Risultati poco esaltanti quindi, i quali uniti alla pochezza di gioco stanno tutt’altro che divertendo il pubblico, affamato di bel gioco e grandi prodezze, in ritardo fino ad ora… è la fase a gironi e si sa. Ci aspettiamo un netto miglioramento dal punto di vista della qualità e dal punto di vista realizzativo. Stasera esordisce l’Italia, facciamo gli auguri agli azzurri e che possano regalarci una partita all’insegna del divertimento agonistico.

Davide Brugnoli